Dra Abu el-Naga (Necropoli tebana – Luxor)

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

La necropoli dell’antica Tebe, sulla riva occidentale del Nilo di fronte a Luxor, è uno dei siti meglio noti e più visitati dell’Egitto. Dalle sue tombe provengono molti degli oggetti che oggi ammiriamo nei musei di tutto il mondo. E’ qui che è situata la concessione di scavo dell’Università di Pisa a  Tebe ovest (Luxor).
10444427_310746532461066_5068514228328290697_n

La concessione comprende al momento alcune tombe rupestri, portate alla luce nel corso degli anni dalla missione stessa. L’area è situata specificamente nel settore di Dra Abu el-Naga, uno dei più antichi e meno noti della necropoli tebana, occupato dalla fine del III millennio a.C. e sede della necropoli regale prima che le tombe dei faraoni fossero trasferite nella Valle dei Re.

04

Le ricerche nell’area hanno avuto come primo oggetto di scavo e di studio, a partire dal 2003, una tomba rupestre dipinta, la Tomba Tebana 14 (TT 14), datata all’età ramesside (ca. 1250-1200 a.C.) Nell’ottobre 2004 è stata scoperta – e interamente scavata in più campagne successive – una seconda tomba rupestre, immediatamente a nord-ovest di TT 14, denominata M.I.D.A.N.05 (dall’acronimo della missione). è più grande e antica di TT 14 e si data probabilmente intorno al 1500 a.C.

 

Intorno alla sua corte si raccolse nel tempo un nucleo di altre cappelle rupestri funerarie: sul lato Nord, due tombe, probabilmente contemporanee e appartenenti alla stessa famiglia proprietaria di M.I.D.A.N.05, scoperte nel 2010 ma ancora non scavate; sul lato Sud, in ordine di tempo, la stessa TT 14, la piccola tomba E e un’altra tomba ancora inesplorata.

Nel 2014, è stata portata a temine l’indagine archeologica del pozzo funerario P3, situato nella stessa corte e molto probabilmente da mettere in relazione con M.I.D.A.N.05, dotato di tre camere funerarie.

Tutte le strutture hanno avuto molteplici riusi nel tempo: nel caso di M.I.D.A.N.05, l’occupazione si estese fino all’età romana.

lo scavo nel pozzo P3 e i frammenti di sarcofagi

I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

© 2016