Lavorare il legno: botteghe e artigiani da Deir el-Medina

IMG_4022Anna Giulia De Marco è una dottoranda del XXXI Ciclo del Corso di Dottorato in Storia dell’Università di Pisa, vincitrice della borsa di studio bandita dalla Fondazione Museo Egizio di Torino, con un progetto di ricerca dal titolo “Lavorare il legno: botteghe e artigiani da Deir el-Medina. Studio dei materiali conservati presso il Museo Egizio di Torino”.

Il villaggio di Deir el-Medina, situato tra la colline tebane, rappresenta una delle fonti di informazioni più ricche per la conoscenza della società egiziana. In particolare, le ricerche svolte in ambito economico hanno dimostrato l’esistenza di un libero mercato in cui gli abitanti di Deir el-Medina potevano incrementare i propri profitti sfruttando le loro abilità artigianali per la produzione e la vendita di oggetti destinati ai privati.

Questo progetto intende individuare le diverse botteghe artigiane che hanno operato a Deir el-Medina nel Nuovo Regno (1550-1069 a.C.) attraverso lo studio degli oggetti, coadiuvato dall’analisi delle fonti testuali. Ciò condurrà ad una comprensione più ampia della figura dell’artigiano e della società in cui viveva, analizzando i vari aspetti socio-economici coinvolti.

In particolare, oggetto principale d’indagine sarà il materiale ligneo, conservato presso il Museo Egizio di Torino, in tutte le sue declinazioni (statuaria, oggetti ad uso funerario, mobilio, strumenti da lavoro, utensili di uso quotidiano) analizzato in parallelo con i testi ieratici di tipo amministrativo redatti su papiri e ostraca, anch’essi appartenenti alle collezioni del Museo Egizio.

I dati ottenuti saranno inseriti in un database consentendone la catalogazione, l’integrazione e la loro interazione. Ciò faciliterà lo studio e l’interpretazione del quadro in esame, permettendo il raggiungimento di tre obiettivi principali: individuare i workshop, inquadrare l’artigiano all’interno della società egiziana del Nuovo Regno, proporre nuovi apporti per gli studi economici.

© 2016